Prezzo Pellet prestagionale 2018

Attenzione al prezzo del pellet 2018.

Meglio non comprarlo ad aprile?

Articolo antipatico che può anche non piacerti. Premetto che ho un database di oltre 15000 contatti e che mi sono reso conto che ad oggi il problema non è vendere il pellet ma garantire il servizio che merita. Quindi ti chiedo già scusa se non ti motiverò a entrare in contatto con me promettendoti il pellet migliore al minor costo possibile sulla terra, ma ti prometto serieta!

Accettato questo vai pure avanti a leggere!

Leggi attentamente quello che è presupposto…

Da almeno 5 anni non capitava quello che è successo quest’anno. Nello specifico, non so se lo sai, tutte le fabbriche hanno finito pellet che avevano in riserva, fino all’ultimo grammo.

Io stesso, a febbraio, ho dovuto gestire le consegne perchè il pellet arrivava con il contagocce. Chi mi chiedeva un bancale, invece di fare una consegna unica, la smezzavo per servire 2 clienti invece di uno, anche se mi è costato il doppio della consegna. Ho preferito lavorare di più per non lasciare al freddo qualcuno.

Cosa mi ha detto Wolfgang?

Wolfgang, il responsabile dello stabilimento Pabst, mi ha rivelato i dati del consumo di pellet.

Solo in Italia vengono consumati 3,5 milioni di tonnellate di pellet

Sai quanto sono 3.5 milioni di tonnellate?

Sono 233 333 333 sacchetti sa 15kg. Ma questo è un numero, il numero che sconforta è un altro.

Quanto fa Austria + Germania?

Tutta la produzione HOLZ PELLET (pellet di legno in tedesco) ammonta a 500 mila tonnellate, 1/7 del consumo italiano.
Il problema di tutto è che nel 2017 anche il resto dell’Europa ha installato stufe a pellet o, meglio ancora, caldaie a pellet.

Quindi oltre alle 3 500 000 tn di consumo nazionale, c’è da aggiungere il consumo del resto d’Europa:

  • Austria
    • ha caldaie che scaldano condomini interi
    • non Utilizzano assolutamente gas
  • Germania
    • ha sia caldaie che stufe
  • Croazia
  • Bosnia
  • Ucraina
  • Romania
  • Russia
  • Francia
  • Spagna
  • Belgio
  • Olanda
  • chi più ne ha più ne metta…

E anche vero che…

E anche vero, che fortunatamente non c’è solo l’Austria che produce pellet ed altrettanto vero che tutto il pellet consumato non è solo quello alta qualità.  Ma è anche vero che la Romania ha diminuito drasticamente la produzione perchè lo stato (anche loro arrivando dai Romani) ha aggiunto la tassa sul taglio del tronco.

Nota importante che ti deve entrare in testa!

Nel resto d’Europa, specialmente la parte Nord, hanno la mentalità di non rompere i balocchi con la parola sconto, pagamento lungo, se mi tratti bene ti sposerò e tutte queste menate che abbiamo in Italia.

Il resto del mondo è più commerciale e fatto l’accordo viene mantenuto. Probabilmente hanno anche un governo che li aiuta di più e grazie a quello sono meno banderuoli.

Ma tutto ciò sta portando noi italiani a essere messi da parte per l’acquisto del pellet. Quest’anno la parola da utilizzare non sarà sconto ma garanzia di avere il pellet.

I prezzi del pellet 2018

Mi dispiace se quello che ho scritto prima non ti farà sognare sconti e premi e mi rende antipatico, ma purtroppo qualcuno deve dire quello che pensano di noi all’estero e come sono realmente le condizioni.

Quest’anno trovare il costo del pellet più alto di 5/15€ al bancale è del tutto probabile. Il mio consiglio è  di fare l’acquisto il prima possibile per non rimanere senza, indipendentemente da chi sia il tuo fornitore.

A patto che:
  1. non sia l’ultimo arrivato
  2. non ti spari proposte miracolose
  3. non ti chieda il pagamento anticipato

Da considerare

Ogni produttore di pellet ha i silos e i magazzini vuoti. Ogni produttore ha almeno un mese di produzione la quale la può stoccare (parlando di Pabst ne ha almeno 2).

I più grandi commercianti hanno altrettanto posto per stoccare.

Questi dati ti faranno capire che il prezzo non calerà più da ora. Anzi..

se poi
  • pensi che aspettare il prezzo cali,
  • che i produttori hanno bisogno di vendere
  • che allora è più conveniente andare a gas
  • che tutto quello che ho scritto sia fatto per vendere

Allora non sono riuscito a far passare il consumo di pellet quanto sia aumentato il consumo dell’energia. Il gas, ha già fatto i contratti che aumenterà l’8% all’anno per i prossimi 5 anni. Questo significa che quando in televisione ti dicono che il gas è conveniente, vogliono farti passare per fesso, ma dato che stai leggendo fino a qui, significa che vuoi fare il meglio per te, non accontentandoti di fare una scelta mediocre.

Con il pellet, anche se in aumento, avrai sempre la casa calda e il controllo della spesa sott’occhio, senza sorprese di conguaglio.

Ora spero di averti trasmesso la reale situazione pellet.
3 Anni fa raccontavo di un produttore, che in fiera a Verona si era cavato le braghe pur di liberare i suoi capannoni.

Oggi investi un paio di ore per cercare il prodotto.

 

Pellet Garantito

Inserisci la tua mail solo se:

  • vuoi la sicurezza del materiale
  • la sicurezza della consegna
  • vivere un inverno importante

Odio lo spam

 

 

 

 

 

 

6 risposte a “Prezzo Pellet prestagionale 2018”

  1. Salve, cortesemente volevo sapere se spedite a Roma Nord (cap 00139) un pancale di pellet ed eventualmente il prezzo abete 100% oppure Faggio e Abete EN PLUS A1.
    Saluti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.